Home » Statuto

Statuto

Associazione Italiana Studi di Storia dell’Europa Centrale e Orientale (AISSECO)
Statuto
(approvato dall’assemblea di fondazione – Firenze, 29 aprile 2005. Emendato dalla IV Assemblea ordinaria – Roma, 28 marzo 2009)

Art. 1: E’ costituita l’Associazione Italiana Studi di Storia dell’Europa Centrale e Orientale (AISSECO), con sede presso il Dipartimento di Studi Internazionali, Università di Roma Tre, via Chiabrera 199, 00145 Roma

Art. 2: L’AISSECO è disciplinata dal presente Statuto. Tutti i soci sono vincolati dalle norme in esso contenute: tali norme possono essere modificate con deliberazione assunta dall’Assemblea dei soci a maggioranza di due terzi degli aventi diritto.

Art.3: L’AISSECO coordina e promuove contatti, scambi e un confronto approfondito tra gli studiosi delle fonti storiche, del pensiero e delle istituzioni politiche, della cultura dei paesi dell’Europa centrale e orientale, nonché dei rapporti tra l’Italia e questa regione del mondo, mediante un approccio rigorosamente scientifico. Essa non ha fini di lucro e persegue tali obiettivi mediante gli strumenti che l’Associazione o i suoi organi amministrativi e gestionali ritengono coerenti con lo scopo sociale, ivi compresi l’organizzazione di convegni e conferenze nazionali e internazionali, la gestione e il costante aggiornamento del sito web http://www.aisseco.org, la pubblicazione di saggi e volumi, sia in forma cartacea che digitale e con ogni altro mezzo che sia ritenuto praticabile ed utile per gli scopi dell’Associazione.

Art.4: Gli organi dell’AISSECO sono:
1. Il Presidente
2. Il Comitato Direttivo
3. L’Assemblea, composta da tutti i soci appartenenti alle due categorie di cui al successivo art. 5
4. Il Segretario
5. Il Tesoriere
Coadiuvano gli organi dell’Associazione: 1. Il responsabile scientifico del sito web
2. Il responsabile tecnico del sito web

Art. 5: I soci sono divisi in due categorie: 1. Soci ordinari
2. Soci onorari

Alla categoria dei soci ordinari appartengono gli studiosi, gli studenti universitari e gli iscritti ai dottorati di ricerca in materie coerenti con gli obiettivi dell’Associazione. Essi vengono ammessi all’Associazione su presentazione di un socio ordinario o di un socio onorario e l’ammissione è disposta dall’Assemblea dopo la valutazione del curriculum scientifico dell’aspirante socio, dal quale risulti la comprovata capacità di lavorare sulle fonti originali dei paesi di cui al precedente art. 3. La votazione d’ammissione deve essere effettuata all’unanimità degli aventi diritto e si svolge a scrutinio segreto. I soci ordinari, qualora non possano essere fisicamente presenti alle riunioni, possono delegare un altro socio a rappresentarli; in questo caso, la delega deve essere scritta, posta in una busta chiusa e deve contenere la indicazione del voto che il delegante intende dare. I soci studenti pagano una quota d’iscrizione ridotta e non possono delegare il voto. Alla categoria dei soci onorari appartengono gli studiosi di chiara fama, italiani ed esteri, che l’Assemblea abbia chiamato a far parte dell’Associazione. La chiamata è deliberata dall’Assemblea all’unanimità degli aventi diritto ed è di natura vitalizia. I soci onorari non pagano le quote d’iscrizione e non possono delegare il voto.
La qualità di socio si perde per dimissioni, morosità, indegnità. Le ultime due cause di perdita della qualità di socio devono essere deliberate dall’Assemblea generale all’unanimità meno uno degli aventi diritto.

Art. 6: Il Presidente è nominato dall’Assemblea a maggioranza assoluta degli aventi diritto, dura in carica tre anni ed è rieleggibile. Egli ha la rappresentanza esterna dell’Associazione e ha i poteri di amministrazione e Direttivo che il Comitato Direttivo riterrà di delegargli. Il Presidente propone per l’approvazione all’Assemblea Generale i bilanci preventivi e consuntivi redatti dal Comitato Direttivo. Convoca l’Assemblea nelle diverse componenti, con avviso inviato almeno 20 giorni prima della data fissata per la riunione.

Art. 7: Il Comitato Direttivo è formato da quattro componenti eletti dall’assemblea a maggioranza assoluta dei presenti, e al suo interno vengono attribuiti gli incarichi di Segretario, Tesoriere e Responsabile scientifico del sito web. Quest’ultimo può avvalersi di collaborazioni esterne al direttivo stesso, purché approvate dall’assemblea. I componenti del Comitato durano in carica per tre anni e sono rieleggibili. Il Comitato Direttivo delibera sull’amministrazione dell’Associazione, propone all’Assemblea la misura delle quote d’iscrizione, redige i bilanci preventivi e consuntivi che il Presidente presenta all’approvazione dell’Assemblea, cura gli atti di amministrazione ordinaria, esegue gli atti richiesti dall’attività dell’Associazione. Il Comitato può delegare in tutto o in parte i suoi poteri al Presidente.

Art. 8: L’Assemblea delibera con le modalità di cui agli articoli precedenti sulle modifiche statutarie, sull’ammissione ed esclusione dei soci, sugli atti amministrativi straordinari; si riunisce ogni volta che il Presidente lo ritenga utile e comunque almeno una volta all’anno, entro il 31 marzo, per l’approvazione del bilancio preventivo e consuntivo; è convocata anche quando almeno un terzo dei suoi membri ne faccia richiesta scritta al Presidente.

Art. 9: Il Segretario dirige e coordina tutte le attività dell’Associazione, assicura il contatto costante con i soci e con gli studiosi della materia in Italia e all’Estero. Dura in carica tre anni ed è rieleggibile.

Art. 10: Il Tesoriere d una in carica tre anni ed è rieleggibile. Gestisce la contabilità dell’Associazione, dispone direttamente per le spese ordinarie nella misura fissata volta per volta dall’Assemblea, e propone per la firma al Presidente i contratti e gli altri atti di rilevanza esterna

Art. 11: I responsabili, scientifico e tecnico, del sito web sono incaricati del suo sviluppo in quanto principale strumento di informazione e di collegamento dell’associazione. Essi mantengono regolare contatto con i soci, ne recepiscono le indicazioni e i suggerimenti, assicurano il costante aggiornamento del sito; inoltre, smistano la corrispondenza e-mail e sovrintendono alle rubriche e agli altri strumenti del sito. Vengono entrambi nominati dal Presidente, sentito il parere del Comitato Direttivo.

Art. 12: Il patrimonio dell’Associazione è formato:
1. dalle quote sociali, determinate ogni anno dall’Assemblea
2. i beni mobili e immobili che, per donazione o acquisto, l’Associazione abbia acquisito
3. i contributi concessi all’Associazione da persone fisiche o enti pubblici o privati
4. gli eventuali rimborsi di spese sostenute, effettuati da enti pubblici o privati
5. i proventi ricavati dall’uso di terzi del materiale informativo in possesso dell’Associazione
6. ogni altro provento ricavato dall’attività dell’Associazione che non pregiudichi l’assenza di fini di lucro

Art. 13: Tutte le cariche dell’Associazione e tutte le funzioni svolte al suo interno sono gratuite.

Art. 14: Lo scioglimento dell’Associazione è disposto dall’Assemblea con deliberazione adottata a maggioranza di due terzi degli aventi diritto. L’Assemblea in caso di scioglimento provvede alla nomina di un liquidatore e decide sulla destinazione del patrimonio eventualmente esistente.

La newsletter di AISSECO

TOP VIDEO

© 2014 AISSECO. All Rights Reserved. Collegati -